Lezioni di cocktail

image
Aspettando il nostro aperitivo insieme da Marc Jacobs domani sera, ecco qualche consiglio per realizzare un buon cocktail…per farlo vi serve solo il decalogo del perfetto bartender.Che vi aiuterà anche a riconoscere quelli che vi sono proposti nei locali.

Procuratevi due strumenti fondamentali: un testo di facile comprensione ed un misuratore di once/ml (jigger) che per il bartender è come la pistola per lo sceriffo.
Acquistate, proponete e chiedete al bancone distillati di buona qualità. Non affidatevi a prodotti scadenti di dubbia provenienza.
A casa iniziate con cocktail facili da preparare, che uniscono pochi elementi, magari aperitivi sparkling come gli intramontabili Bellini o Rossini.
Non abbiate paura a utilizzare ghiaccio in buona quantità: l’acqua è una parte fondamentale del cocktail e la diluizione del ghiaccio darà equilibrio e mitigherà la forza dell’alcol.
Il ghiaccio deve essere trasparente. La sua trasparenza è indice di qualità. Quello opaco contiene residui di acqua non cristallizzata. A casa è difficile ottenerlo, ma i migliori bar sono dotati di macchine professionali che consentono di ottenerlo.
Raffreddate sempre bicchiere e shaker
Un bravo barman lavora sempre a vista, non tocca frutta e cannucce con le mani. Fate lo stesso anche voi.
Se preparate un cocktail a base di frutta, non utilizzate mai sciroppi o prodotti industriali: che il limone sia succo di limone!
Assaggiate sempre prima di shakerare: potrete correggere e bilanciare le vostre creazioni prima di servirle ai vostri amici.
Non miscelate mai distillati di origine diversa nelle vostre bevute casalinghe. Si rischiano sbronze colossali.
Se già conoscete queste regole base, eccone altre due che consentono di iniziare subito a miscelare con successo.

 La maggior parte dei barmen casalinghi ama cimentarsi nella preparazione dei cocktail più conosciuti, come ad esempio il mojito. Ricordatevi che il vero mojito non deve essere preparato con il lime pestato ma deve avere il succo di lime come base. Pestare la buccia del lime darà al cocktail un gusto amaricante, causato dagli oli essenziali amari presenti nella buccia, nel succo sono invece presenti gli oli buoni, quelli che danno il vero aroma.

Il punch, presentato nella grande coppa comune, crea una bella atmosfera conviviale che fa passare in secondo piano eventuali imprecisioni nella preparazione della bevanda. Quindi, soprattutto se siete alle prime armi, via libera al punch!

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: