Archivio mensile:dicembre 2014

Felice Anno Nuovo!

A tutti i nostri amici auguriamo
un Felice Anno Nuovo!

image

Annunci

Alitalia: voli scontati per studenti giapponesi

image

Voli scontati per studenti giapponesi che si iscrivono ad un corso di Lingua Italiana a Milano. Tutti gli studenti giapponesi iscritti ai nostri corsi di italiano a Milano, possono usufruire dei seguenti sconti se acquistano un biglietto di andata e ritorno ALITALIA dal Giappone:

Economy class: JPY 10.000

Premium Economy class: JPY 15.000

Business class: JPY 30.000

Per accedere agli sconti compila il modulo Alitalia:

http://scuola-italiano-milano.com/it/2014-09-08-09-55-37/voli-scontati-per-studenti-giapponesi

Capodanno a Milano

image

Se si tratta di organizzare un Capodanno a Milano i milanesi, non stanno di certo con le mani in mano. Per la serata più importante dell’anno i ristoranti sono al centro dell’attenzione.

Trascorrere un capodanno 2015 nei ristoranti di Milano è meta ambita da molti. Questo perché Milano offre una miriade di proposte. Vi sono i ristoranti che propongono cucina tradizionale, con Gran Cenoni di tutto effetto e piatti molto elaborati. Ma vi sono anche i ristoranti etnici, che oltre a menù ricchi e prelibati, propongono un ultimo dell’anno pieno di sorprese, con spettacoli, danze e musica.

http://www.capodannoamilano.com/locali/ristoranti

Tanti Auguri a tutti!

ritaglioauguri3

La scuola riaprirà il 5 gennaio, mentre i nuovi corsi standard inizieranno lunedì 12 gennaio!

http://www.scuola-italiano-milano.com

Arrivederci al nuovo anno!

Regolarizzazione Stranieri: Decreto Flussi 2015

ministero interno decreto flussi 2015

E’ in vigore il nuovo decreto flussi 2015 per regolarizzare la posizione ai lavoratori stranieri che sono sul territorio italiano con un permesso regolare.

Il testo del provvedimento è stato firmato lo scorso 11 dicembre 2014 e appena pubblicato nella Gazzetta Ufficiale, sbloccherà complessivamente 17.850 quote.
Di questo bacino di regolarizzazioni, solo 5500 saranno quelle destinate a persone provenienti dall’estero poichè si è voluto regolarizzare ben 12.350 cittadini stranieri che già sono in Italia e che potranno convertire in permesso per lavoro i loro attuali permessi rilasciati per altre motivazioni.

LE QUOTE DI INGRESSO:

  • 1.000 lavoratori stranieri che hanno completato programmi di formazione ed istruzione nei Paesi d’origine ai sensi dell’art. 23 del decreto legislativo 25 luglio 1998, n. 286;
  • 2.400 lavoratori autonomi ricompresi nelle seguenti categorie:
    – “imprenditori di società che svolgono attività di interesse per l’economia italiana che effettuano un investimento significativo in Italia, che sostiene o accresce i livelli di reddito;
    – liberi professionisti esercenti professioni vigilate, oppure non regolamentate ma rappresentative a livello nazionale e comprese negli elenchi curati dalla Pubblica amministrazione;
    – titolari di cariche di amministrazione o di controllo di società, di società non cooperative, espressamente previste dalla normativa vigente in materia di visti d’ingresso;
    – artisti di chiara fama internazionale, o di alta qualificazione professionale, ingaggiati da enti pubblici oppure da enti privati;
    – cittadini stranieri per la costituzione di imprese “start-up innovative” ai sensi  della legge 17 dicembre 2012 n. 221, in presenza dei requisiti previsti dalla stessa legge e titolari di un rapporto di lavoro di natura autonoma con l’impresa”
  • 100 lavoratori stranieri per motivi di lavoro subordinato non stagionale e di lavoro autonomo di origine italiana per parte di almeno uno dei genitori fino al terzo grado di linea diretta di ascendenza, residenti in Argentina, Uruguay, Venezuela e Brasile
  • 2000 cittadini dei Paesi non comunitari partecipanti all’Esposizione Universale di Milano 2015 (già autorizzati la scorsa primavera)

LE QUOTE DI CONVERSIONE/REGOLARIZZAZIONE:

E’ possibile convertire in permessi di soggiorno per lavoro subordinato:

  • 4.050 permessi di soggiorno per lavoro stagionale;
  • 6.000 permessi di soggiorno per studio, tirocinio e/o formazione professionale;
  • 1.000 permessi di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo rilasciati a cittadini di Paesi terzi da altro Stato membro dell’Unione Europea.

E’ possibile convertire in permessi di soggiorno per lavoro autonomo:

  • 1.050 permessi di soggiorno per studio, tirocinio e/o formazione professionale:
  • 250 permessi di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo rilasciati a cittadini di Paesi terzi da altro Stato membro dell’Unione Europea.

COME PRESENTARE LE DOMANDE:

Chi si trova regolarmente in Italia  potrà già compilare online le domande sul sito web del Ministero dell’Interno a partire dalle ore 9.00 del giorno successivo alla pubblicazione del decreto flussi in Gazzetta Ufficiale e per gli otto mesi successivi. Informazioni sulla  procedura si possono trovare nella Circolare dei Ministeri dell’Interno e del Lavoro. Sul sito del Ministero all’indirizzo https://nullaostalavoro.dlci.interno.it/Ministero/index2.jsp è già possibile da subito compilare e salvare la domanda: non dimenticatevi però che va spedita al momento giusto!!

Le domande saranno esaminate in base all’esatto ordine cronologico di invio, fino ad esaurimento dei posti disponibili.

Per la compilazione delle domande è necessario registrarsi sul sito https://nullaostalavoro.interno.it, secondo le modalità indicate nel manuale utente pubblicato sull’home page dell’applicativo.
A disposizione degli utenti ci sarà anche un servizio di assistenza attraverso un help desk raggiungibile tramite un modulo di richiesta disponibile durante la fase di compilazione delle domande.

I MODELLI DA UTILIZZARE:

A seconda se si tratti di conversione o di richiesta per vari motivi esistono ben 8 modelli da utilizzare:

Modelli A e B: per i lavoratori di origine Italiana residenti in Argentina, Uruguay, Venezuela e Brasile,
Modello VA: conversioni dei permessi di soggiorno per studio, tirocinio e/o formazione professionale in permesso di lavoro subordinato,
Modello VB: conversioni dei permessi di soggiorno per lavoro stagionale in lavoro subordinato,
Modello Z: conversione dei permessi di soggiorno per studio, tirocinio e/o formazione professionale in lavoro autonomo,
Modello LS: conversioni dei permessi di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo rilasciati da altro Stato membro dell’UE in permesso di lavoro subordinato,
Modello LS2: conversioni dei permessi di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo rilasciati da altro Stato membro dell’UE in lavoro autonomo,
Modello LS1: richiesta di Nulla Osta al lavoro domestico per stranieri in possesso di un permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo,
Modello BPS: richiesta nominativa di nulla osta riservata all’assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali.

Fuggiamo dal Natale: cosa fare a Milano il 25 dicembre

FUGA DAL NATALE: COSA FARE A MILANO IL 25 DICEMBRE

Qualunque sia il motivo per cui quest’anno vi asterrete dai più tradizionali festeggiamenti natalizi, non disperate: Milano per fortuna non rimane chiusa a Natale. E se la sera offre diverse attrattive, dal cinema ai party in discoteca, anche per il giorno le proposte non mancano. E allora quale occasione migliore per farci un regalo? Data l’occasione speciale possiamo osare qualche cosa di più, coccolandoci in una Spaesclusiva come quelle di Bulgari Hotel e Chateau Monfort, il cui accesso è consentito anche a chi non alloggia presso gli hotel, previa prenotazione. Oppure godere del relax offerto da QC Termemilano in una giornata senz’altro meno affollata. Anche l’Hammam Marwa di Via Pimentel, 18 resta aperto nel giorno di Natale offrendo, a chi lo desidera, l’opportunità di sperimentare i percorsi benessere – diversificati  per uomo e donna – secondo la tradizione dell’hammam tunisino.

image

Trascorrere qualche ora immersi in un bagno rilassante può essere la soluzione al termine del periodo natalizio, sempre frenetico per tutti, oppure per rigenerarsi dopo la notte di Natale, magari trascorsa a danzare  al circolo ARCI La Scighera, che propone festeggiamenti tra il sacro e soprattutto il profano con la sua Mazurka Laika, la notte tra il 24 e il 25. Saltellando a ritmo di musica folk anche  principianti potranno scatenarsi in pista senza timore: i ballerini più esperti ben volentieri  insegnano i primi passi a chi si cimenta per la prima volta. E se fermi non ci vogliamo proprio restare nemmeno il giorno successivo, la pista di pattinaggio in piazza Gae Aulenti è aperta con orario 14.30-23 (biglietto d’ingresso 7 €).

Dopo aver regalato un po’ di tempo a se stessi, si può onorare il senso del Natale facendo qualcosa anche per gli altri: è Natale dopotutto! La Comunità di Sant’Egidio Onlus organizza il pranzo di Natale per i senza fissa dimora. Servono braccia volenterose soprattutto alla mensa di Via dei Cinquecento, zona Corvetto, nella seconda parte della giornata per l’animazione pomeridiana e per il riordino finale. Maggiori info al 02.86451309 e all’ indirizzo email santegidio.milano@gmail.com

Altre realtà si dedicano a rendere più lieto il Natale di chi vive il disagio tutti i giorni, ad esempio la Fondazione Fratelli di San Francesco D’Assisi Onlus in Via della Moscova 9, che necessita di volontari in un giorno dove è più difficile trovare persone disponibili. Gli interessati possono chiamare il 02 6254591 e chiedere del sig. Walter.  Anche alla Casa Alloggio A77 che si occupa invece di persone malate di HIV si cercano persone disposte,  il giorno di Natale, a trascorrere un po’ di tempo con gli ospiti: alle 10.30 si decide il menù, alle 13 si pranza e nel pomeriggio, giochi di società per tutti. Contatti: A77 Cooperativa Sociale, Largo Promessi Sposi, 5- 20142 Milano tel. 02/84894051.

Gli amanti della cultura non hanno che l’imbarazzo della scelta. Moltissimi i musei milanesi che restano aperti il 25 dicembre.Palazzo Reale, con le sue mostre di Van Gogh, Chagall e Segantini, apre alle ore 14.30 fino alle18.30. Al Museo del Novecentosi può visitare l’esposizione dedicata a Lucio Fontana e Yves Klein e la collezione permanente del polo dell’Arengario dalle 14.30 alle19.30. Visitabile dalle 14.30-18.30 anche il Museo di Storia Naturale dov’è in corso Food, percorso scientifico-didattico su scienza e cibo. Inoltre rimane aperta e gratuita l’esposizione natalizia a Palazzo Marino con la  Madonna Esterhàzy di Raffaello, osservando l’orario di apertura  9.30-18.30.  Glitch-interferenze tra arte e cinema, allestita al PAC è fruibile dalle ore 14.30 alle 18.30.

La Triennale resta aperta dalle 14 alle 23. E’ possibile anche optare per una gita fuori porta visitando la mostra fotografica di Steve Mc Curry alla Villa Reale di Monza. Aperti anche i cinema, alcuni con orario ridotto, ma per chi vuol essere certo di assistere allo spettacolo pomeridiano all’ Odeon la  programmazione degli spettacoli non subisce variazioni. Infine ci sono ancora posti liberi per assistere alle ore 19 al musical  Dirty Dancing al Teatro Nazionale (biglietti a partire da 21 € su Ticketone) e a La bella e la Bestia delle ore 18 al Teatro Arcimboldi (biglietti a partire da 40 € su Ticketone).Tenendo presente che, per chi si muove con i mezzi pubblici, il servizio di metropolitane e linee di superficie viene effettuato dalle 7 alle 19.30 non ci resta che augurare un ottimo natale a ciascuno di voi…qualunque cosa facciate!

Expo 2015: in programma 7000 appuntamenti

logo-Expo-2015Expo in Città 2015: il palinsesto che animerà la vita dell’area metropolitana milanese durante il semestre dell’Esposizione Universale.

Ad oggi, molti operatori italiani e stranieri hanno già presentato il proprio progetto. Il Comitato di Coordinamento di Expo in Città, a una prima selezione, ha approvato oltre 200 iniziative che daranno vita a circa 7.000 appuntamenti quotidiani tra mostre, concerti, spettacoli, convegni scientifici, eventi sportivi, festival, rassegne, manifestazioni sui temi agroalimentari e sociali, iniziative ed eventi pubblici e privati in“edizione speciale Expo”: appuntamenti già inseriti in questa prima release del calendario diExpo in Città 2015.

Da sottolineare l’interesse dimostrato anche da numerosi Paesi e città estere, molte gemellate con Milano, a essere protagonisti anche di Expo in Città pur avendo una presenza sul sito espositivo. Dalla Francia alla Cina, dall’Austria al Giappone all’Indonesia; da Barcellona a Shanghai, da Melbourne a Birmingham: solo per fare qualche esempio. E molti altri progetti sono in arrivo dai quattro punti cardinali, per un’Expo diffusa nella Grande Milano con un programma unico coordinato con la società Expo e che entrerà nel palinsesto ufficiale di Expo Milano 2015: un’assoluta innovazione nella storia delle Esposizioni Universali.

Sportello Expo in Città. Per centralizzare, semplificare e informatizzare tutte le richieste provenienti dagli operatori, il Comune di Milano ha creato lo “Sportello Expo in Città”, che ha l’obiettivo di migliorare e facilitare i rapporti tra operatori e Pubblica Amministrazione sul fronte delle procedure autorizzatorie che oggi fanno capo a diversi Settori e Direzioni del Comune.

Un “logo musicale” dedicato. Expo in Città avrà anche una colonna sonora, un “logo sonoro” che accompagnerà la promozione di tutto il palinsesto, sostenendo la campagna di comunicazione istituzionale delle iniziative collegate. Il brano, composto ad hoc da Giovanni Sollima, è un regalo del grande musicista, compositore e violoncellista alla città ed è stato registrato due settimane fa al Teatro Dal Verme dall’Orchestra I Pomeriggi Musicali diretta dalMaestro Carlo Boccadoro per Edizioni Casa Musicale Sonzogno.

Expo in città genera anche altri progetti. Expo in città ha infatti siglato con Confcommercio Milano una convenzione per la realizzazione del progetto Ambassador, che vede gli esercizi commerciali farsi ambasciatori di Expo in città, diventando infopoint e punti di riferimento per i cittadini e turisti.

I negozi che decidono di aderire al progetto diffonderanno il brand Expo in città con vetrofanie, loghi, insegne e metteranno a disposizione dei clienti materiale informativo su Expo in città e sull’Esposizione Universale. Per poter aderire, i commercianti dovranno impegnarsi al rispetto di un decalogo finalizzato a migliorare l’accoglienza del visitatore. Tra i punti del decalogo: disponibilità all’apertura nel periodo estivo, aperture straordinarie, conoscenza della lingua inglese, informazione sulle attrazioni turistico/culturali della città, particolare attenzione all’informazione trasparente sui prezzi ai visitatori stranieri. Il progetto, appena avviato, ha già raccolto 250 adesioni.