Archivio mensile:luglio 2016

Visita al Museo del Duomo di Milano

 

Museo_del_Duomo.jpg

Il Museo del Duomo di Milano è una delle collezioni più rappresentative della storia di Milano, immenso custode dell’arte e della devozione in tutte le fasi secolari della costruzione del monumento più imponente della città.

Recentemente ampliato, il Museo presenta una varietà straordinaria di opere che illustrano la secolare gestazione della costruzione della cattedrale: le 27 sale espositive suddivise il 13 aree tematiche che comprendono anche il preziosissimo Tesoro del Duomo, ripercorrono tutta la storia del Duomo di Milano, dall’inaugurazione viscontea del 1386 agli importanti interventi dei Borromeo, fino alla realizzazione delle ultime porte bronzee novecentesche.

Il percorso espositivo del Museo del Duomo di Milano è un viaggio nel tempo, che raccoglie e presenta le testimonianze artistiche di sei secoli di storia cittadina in cui tra capolavori d’arte, modelli lignei, guglie, vetrate, sculture, arazzi e pezzi d’archivio, si incontrano l’Evangeliario di Ariberto (XI secolo), la Madonna dell’Idea di Michelino da Besozzo (XIV secolo), le tele di Cerano con i Miracoli di San Carlo, la Disputa di Gesù nel Tempio di Tintoretto.

Il Museo del Duomo, con le sue oltre 200 opere esposte si costituisce come una chiave di lettura essenziale per comprendere la storia di Milano.

 

 

 

 

Visita al Museo del Risorgimento di Milano

risorgimento.jpg

Il Museo del Risorgimento di Milano è uno spazio espositivo nato nel 1886 e dedicato all’epoca risorgimentale. Ha sede nel settecentesco palazzo Moriggia ed illustra un periodo di storia italiana compreso fra il 1796 (prima discesa in Italia di Napoleone Bonaparte) ed il 1870 (presa di Roma).

Il museo ebbe origine da un nucleo di reperti e documenti risalenti al Risorgimento che vennero raccolti a Milano e nelle zone circostanti per l’Esposizione generale italiana di Torino del 1884[1]. Alla raccolta parteciparono diverse personalità di spicco della Milano dell’epoca come Carlo d’Adda, Cesare Correnti, Gian Alfonso Casati, Enrico Guastalla, Giovanni Visconti Venosta, Gerolamo Induno ed Eleuterio Pagliano[1].

Il Museo del Risorgimento raccoglie opere d’arte, cimeli, dipinti, stampe, armi ed oggetti che ricordano l’epoca napoleonica, le guerre d’indipendenza, le Cinque Giornate di Milano e l’epopea garibaldina. Il museo, assieme a Palazzo Morando, contiene le Raccolte Storiche del Comune di Milano, che sono finalizzate a scopi educativi e culturali[2].

Il percorso espositivo, che è stato progettato in modo da seguire l’ordine cronologico degli eventi, si snoda attraverso quattordici sale storiche a cui si è recentemente aggiunta la nuova Sala d’Armi[1]. L’ultimo rinnovo risale al 1998 quando furono riprogettate le strutture espositive permanenti destinate ai nuclei salienti delle collezioni.

Visitiamolo insieme giovedì 14 luglio!